Riprende il “Processo Lombardo”: la parola di Di Dio, un Rosario di contraddizioni
Marco Pitrella e Marco Benanti
30/01/2019 14:46

Ricomincia il prossimo 13 febbraio il processo per concorso esterno in associazione mafiosa a carico dell’ex presidente della regione Raffaele Lombardo la cui assoluzione in appello per il pesantissimo reato, dopo la condanna a sei anni e mezzo del primo grado, è stata annullata dalla Cassazione. Un processo complicato e controverso con conseguenze, anche storiche oltre che politiche, che prescindono dagli esiti giudiziari e la cui ricostruzione si presta alle più diverse letture, una diversità che proveremo ad offrire ai nostri lettori. Cominciamo con Marco Pitrella e Marco Benanti, che hanno una loro visione non aderente al mainstream e con il primo che, oltre ad essere giornalista sempre originale nel suo stile, è anche avvocato penalista con una passione per i processi…storici.

Correva l’anno 2009 quando Rosario Di Dio, boss di Castel D’Iudica, che sarà condannato nell’ambito dell’inchiesta “Iblis”, fu intercettato a discutere con certo Politino [Confesercenti] e a parlare con tale Astuti. [Nelle intercettazioni parla di un suo accordo con Pino, presumibilmente Firrarello, ma diquesto non si è mai fatto cenno]

Si lamentava nelle intercettazioni Rosario Di Dio, si lamentava di Raffaele Lombardo: «Pi iddu rischiai vita e galera…  quando lui è salito per la prima voltaè venuto all’una e mezza di notte…, è stato qua da me, dall’una alle quattro di mattina… alle prime elezioni regionali che ci sono state… è venuto qua, si è mangiato otto sigaretteHo la sorveglianza speciale…alle 6 mi metto all’opera, chiami a tuo fratello e ce ne andiamo a Catania».

È un Di Dio irato con Raffaele Lombardo, quello intercettato: «Ho avuto bisogno di una cosa ai tempi che il commissario del consorzio era Tolomeo, mi ero comprato un terreno… c’erano un sacco di debiti…»

Ne passeranno sette di anni e Rosario Di Dio vorrà parlare con i Pm, ma solo su Raffaele Lombardo avrà da dire: da Cosa Nostra, infatti, non s’è mai dissociato, tanto che gli sarà coniato il titolo di “pentito ad personam”.

E parlerà chiamando in causa Angelo Santapaola, ammazzato nel 2007: avrebbe incontrato Lombardo per le regionali del 2006: «Lombardo mi accennò a questo discorso– racconta – di fare un appuntamento con Angelo Santapaola».

Ma come si concilia l’ira nei confronti di Lombardo – Ho avuto bisogno di una cosa ai tempi che il commissario del consorzio era Tolomeo – sentita nelle intercettazioni con la nuova rivelazione, quella appunto del supposto incontro con Santapaola?

Ed è qui che Rosario Di Dio smentirà sé stesso: quel che si è udito nelle intercettazioni – è Di Dio a sostenerlo – non va considerato.

Nessun incontro avvenne la sera prima delle votazioni: «L’ho detto per modo dire» e nessun incontro avvenne «dall’una alle quattro di mattina».

I Lombardo, è sempre Di Dio a dirlo,«stettero 15/20 minuti, mi chiesero di cercare Angelo Santapaola».

Di che stupirsi? Già l’interrogatorio dell’aprile 2015 diceva tanto, troppo, tutto:

«Nel 2006 c’erano… anzi “prima” è  successo un fatto– raccontava Di Dio –mio figlio aveva fatto un compromesso per un terreno in Contrada Palmeri… è stata fatta una causa per questocomunque passando a questo discorso, andiamo al fatto delle elezioni regionali…»

Quindi “prima” delle elezioni regionali del 2006.

«Quest’episodio dell’appuntamento al consorzio di bonifica è prima o dopo le elezioni regionali?», la domanda del suo avvocato.

«Questo prima!» la risposta tanto immediata quanto spontanea di Di Dio.

«Dopo!», la correzione del legale di Di Dio.

«Certo, dopo», la drizzata, ancora, di Di Dio.

E la correzione del legale fu talmente inusuale da suscitare persino le perplessità della Procura: «dal suo racconto – è il Pm a sostenerlo –sembrava fosse prima”». Salvo poi la stessa Procura sorvolare, quasi che il “prima o dopo” fosse un particolare qualunque: «stava raccontando come fosse diverso, va bene».

Va bene? Piuttosto che interpretare le parole bisognerebbe cercare le prove: Tolomeo, in indagini difensive, ha confermato d’esser stato cercato da di Dio nel 2004: nel 2005 gli scadrà il mandato.

È evidente quanto il prima e il dopo abbiano un valore dirimente.

A Tolomeo, come già detto, il mandato scadeva nel 2005, e, dunque, «l’episodio del consorzio di bonifica», non può che essere risalente ad almeno un anno prima (e non dopo) le elezioni regionali 2006. Quindi, come avrebbe potuto Di Dio, già iracondo con Lombardo, essersi prestato dopo a missioni, per così dire, “politico-mafiose”?

Del resto, un ulteriore conferma arriva, sempre in indagini difensive, da Zapparrata, dirigente della provincia di Catania, citato in una delle conversazioni intercettate – «Aveva appuntamento con Matteo Zapparrata» – che ha dichiarato di essere stato avvicinato da Di Dio, proprio al rifornimento Agip, mentre attendeva Raffaele Lombardo. In quel dì era prevista una manifestazione degli autonomisti: era il mese di gennaio, era il 2004.

Se a discolpa di Lombardo è stata sufficiente la cronologia, la logica a provar come l’incontro con Santapaola non sia mai avvenuto: né prima e né dopo. Due gli incontri, in pieno giorno, al mattino, al rifornimento di Anania e non all’Agip di Palagonia: eppure a detta di Di Dio «Angelo Santapaola un giorno sì e l’altro no andava a Palagonia, per le corse dei cavalli» (fatto quest’ultimo smentito dalle intercettazioni sull’utenza di Santapaola). Perché, allora, ad Anania? «Perché Anania è più vicino a Catania», la motivazione che sa tanto di improvvisazione.

Un accordo senza senso quello tra Santapaola e Lombardo, a sentire Di Dio, perché tutto fondato sul «poi»: non s’è parlato né di voti, né di appalti, né di soldi, «poi se ne parla».

In quel di Anania, quindi, si sarebbe consumato il primo accordo politico-mafioso “post-datato”.

Le celle del cellulare di Lombardo, intercettato dalla Procura di Catanzaro dal 2000 al 2007 nell’inchiesta “Why not?”, ne smentiranno qualsiasi passaggio: «Io, o almeno il mio telefonino, non mi trovavo a quel tempo nei luoghi citati –dichiarerà in udienza l’ex governatore –, I Ros determinano la presenza di Angelo Santapaola in quelle zone il 5 febbraio e poi a marzo. Io ero in piazza Duomo per Sant’Agata, mentre a marzo ero a Roma».

Nulla, in fondo, ci sarebbe stato da concludere.

Secondo il pentito D’Aquino, Santapaola avrebbe fatto votare, nel 2006, altro candidato di tutt’altro partito.

E Di Dio, comunque, non può certo definirsi un “Santapaoliano”:in un’intercettazione ambientale del 2007, il boss Vincenzo Aiello discorrendo con Carmelo Puglisi ne parla come di uno che «che è stato fatto fuori, l’abbiamo fatto fuori(dalla famiglia nda)prima Angelo(Santapaola, nda)e poi io».

Se ciò non bastasse, a rincarare Nicola Sedici, storico braccio destro di Santapaola: «Gli diamo una scutulata (“scutulata”, ovvero l’omicidio) e ce ne usciamo».

Intanto, i vent’anni di condanna in primo grado a Rosario Di Dio, a quattordici in appello sono stati ridotti: per via di una “fattiva collaborazione”, la motivazione che s’è letta sulla stampa.

Anche se, visto il singolare status, quello di pentito ad personam, ad una “fattiva collaborazione” sarebbe preferibile una collaborazione fondata.

 

LEGGI ANCHE: POLITICA E MAGISTRATURA, GUERRA DEI POTERI. ITALIA STATO ETICO?

 

- [...] note della redazione

Aggiungi commento
IN SICILIA
19/03/2019 21:44
TELEGIORNALE DEL 19 MARZO
16/03/2019 7:06
TELEGIORNALE DEL 16 MARZO
15/03/2019 11:42
TELEGIORNALE DEL 14 MARZO
13/03/2019 22:12
ELEZIONI EUROPEE SICILIA: MICCICHE' COMUNICA
12/03/2019 21:50
TELEGIORNALE DEL 12 MARZO
11/03/2019 20:47
TELEGIORNALE DEL 11 MARZO
08/03/2019 20:55
TELEGIORNALE DELL' 8 MARZO
07/03/2019 21:58
TELEGIORNALE DEL 7 MARZO
06/03/2019 16:28
TELEGIORNALE DEL 6 MARZO
05/03/2019 19:52
TELEGIORNALE DEL 5 MARZO
04/03/2019 19:56
TELEGIORNALE DEL 4 MARZO
01/03/2019 16:48
TELEGIORNALE DEL 1 MARZO
28/02/2019 17:43
TELEGIORNALE DEL 28 FEBBRAIO
27/02/2019 18:38
TELEPEGASO TG DEL 27 GENNAIO
26/02/2019 15:43
TELEPEGASO TG DEL 26 GENNAIO
25/02/2019 16:10
TELEPEGASO IL TG DEL 25 GENNAIO
Altre news
OLTRE LA PRIMA PAGINA
10/03/2019 22:49
IMPERDIBILE L'ALBUM DELLA LINEA TAV TUTTI I RETROSCENA
10/03/2019 3:01
LA MEGLIO SUPERCAZZOLA
08/03/2019 20:55
TELEGIORNALE DELL' 8 MARZO
08/03/2019 9:07
VOLANO GLI STRACCI NEL GOVERNO. AL VOTO, AL VOTO
08/03/2019 1:02
GAME OVER?
07/03/2019 23:38
Un'altra strada. Idee per l'Italia di domani. Il libro di Matteo Renzi in testa ai più venduti.
07/03/2019 21:58
TELEGIORNALE DEL 7 MARZO
07/03/2019 16:39
IL VOTO DI SCAMBIO C'E' ANCHE QUANDO NON SEMBRA. FINE DELLA DEMOCRAZIA RAPPRESENTATIVA.
07/03/2019 10:52
JURASSIC PD. RESTAURAZIONE E ROTTAMAZIONE DEI 40ENNI
06/03/2019 16:28
TELEGIORNALE DEL 6 MARZO
06/03/2019 15:30
2013 LE FOTO SEXI, 2019 I VIDEO HARD. MA CHI È GIULIA SARTI?
05/03/2019 20:09
GOVERNO: CHI VINCE E CHI PERDE DOPO UN ANNO. L'ANALISI
05/03/2019 19:52
TELEGIORNALE DEL 5 MARZO
04/03/2019 19:56
TELEGIORNALE DEL 4 MARZO
04/03/2019 3:23
RIMBORSOPOLI, DI MAIO: «NOI NON FACCIAMO SCONTI A NESSUNO» ma poi... spunta anche la notizia di video hard
01/03/2019 16:48
TELEGIORNALE DEL 1 MARZO
01/03/2019 16:18
LEGA - M5S PROVE DI SEPARAZIONE?
28/02/2019 17:43
TELEGIORNALE DEL 28 FEBBRAIO
27/02/2019 20:32
LA FABBRICA DEGLI E/ORRORI ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️: PHOTOSTORIES
27/02/2019 18:38
TELEPEGASO TG DEL 27 GENNAIO
27/02/2019 10:50
SARTI-CASALINO FOTOGRAFIA DEL M5S. HONESTÀ HONESTÀ C'È QUALCOSA CHE NON VÀ
26/02/2019 19:41
Mo Vi Mento. BOOM! RIMBORSOPOLI: GIULIA SARTI M5S AVREBBE DICHIARATO IL FALSO?
26/02/2019 15:43
TELEPEGASO TG DEL 26 GENNAIO
26/02/2019 12:13
L'OPA DI SALVINI SUL M5S. IL PIANO PER CANCELLARE I GRILLINI
25/02/2019 16:10
TELEPEGASO IL TG DEL 25 GENNAIO
25/02/2019 1:06
M5S: L'ALBUM DI UNA TRAGEDIA
24/02/2019 15:58
DIVENTERA'??? COSA NON SI SA, SARA' COME L'ARCA DI NOE'? MUSUMECI A CONGRESSO E STANCANELLI CON UN PIEDE FUORI DA DB
24/02/2019 3:45
PIANO MANETTARO DI DAVIGO. LA SUA IDEA DI GIUSTIZIA
22/02/2019 17:55
TELEPEGASO TG DEL 22 GENNAIO
22/02/2019 4:30
Parla l’ex: "I grillini? Sono solo una scatola vuota". Intervista a Nicola Biondo
21/02/2019 17:40
TELEPEGASO TG DEL 21 FEBBRAIO
21/02/2019 13:21
CHIRICO: "I 5 Stelle sono un prolungamento della Lega. Se perdono la poltrona, dai banchi parlamentari passano a quelli del gelato davanti a Montecitorio"
21/02/2019 12:28
MELILLI, LA FERLA REPLICA ALLA MAGGIORANZA DOPO ARRESTO SINDACO E SUO VICE
20/02/2019 18:00
ISTANT NEWS DEL 20 FEBBRAIO «M5S DOPO LA CURA SALVINI»
20/02/2019 13:00
IL CAMBIAMENTO, EVOLUZIONE ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️ DA LEGA...LITA' A LEGA
19/02/2019 20:20
CASTA CONTINUA A ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️
18/02/2019 23:24
«Attenzione post che induce ulcera» di Federico Pizzarotti. ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️: Salvini non si processa
18/02/2019 18:55
TELEPEGASO TG DEL 18 FEBBRAIO
18/02/2019 14:20
IL GRILLO PARLANTE VS. M5S
16/02/2019 6:07
GILET GIALLI E GRILLINI ALLEATI NELLE STRATEGIE POLITICHE. ANCHE QUELLE GOLPISTE?
14/02/2019 12:16
POLITICA DOMANI
14/02/2019 10:10
TAV: COSA NON SI DICE
13/02/2019 17:24
TELEPEGASO TG DEL 13 FEBBRAIO
13/02/2019 5:38
GRILLO: "SONO DIVENTATO COMICO DI REGIME". M5S QUALE IDENTITÀ? ANTICASTA ADDIO
12/02/2019 19:33
CRISI M5S: DA PARTITO ANTICASTA A CASTA, VAMPIRIZZATO DA SALVINI
12/02/2019 19:09
TELEPEGASO TG DEL 12 FEBBRAIO
12/02/2019 4:05
IL SILENZIO DEL DUO DI&DI INQUIETA ... SPROFONDO GIALLO
12/02/2019 3:50
Il 5Stelle Morra vuole Salvini alla sbarra. Il M5S invece processa lui.
11/02/2019 18:15
TELEPEGASO TG DEL 11 FEBBRAIO
11/02/2019 9:40
ABRUZZO / ITALIA: M5S IBERNATO AL -50%, IN UN ANNO DAL 39,8% AL 19 %.