PATERNÒ ELEZIONI. DALLA FORZA DELLA RAGIONE ALLE RAGIONI DELLA FORZA
ADOMEX
14/04/2017 22:47

Ieri un amico mi chiese il perché da qualche tempo faccio continui appelli alla qualità della politica e alla necessità di non giocare su questo campo. La risposta è ovvia. Ritengo che quella attuale, all’ombra dell’Etna, è pervasa da mediocrità, da scarsa qualità. La Politica non c'è più.

Per spiegare questo sillogismo, non occorrerebbe grande sforzo intellettuale, basterebbe fare semplicemente il cronista e sottolineare i comportamenti, non necessariamente quelli reconditi o sottesi, ma solamente quelli evidenti, degli operatori della politica, che occupano o vorrebbero occupare gli scranni delle pubbliche istituzioni, in nome di un mandato ricevuto dal popolo sovrano, il quale, però, finora ha scelto i propri rappresentanti in base alla vicinanza d’abitazione, piuttosto che alla parentela, o soprattutto all’utilità personale di piccoli e miseri “favori” ricevuti o da ricevere.

Una tendenza che ritrova maggior riscontro nella minore analisi di scelta di quelle classi che hanno poca capacità critico-culturale. E non mi riferisco solo alle classi meno abbienti, ma ad una pericolosa e crescente deriva intellettuale che tocca tutte le fasce.

Si assiste quindi ad una mera occupazione nell’ambito politico di posizioni di rendita, una aspirazione di occupazione del potere o di quello che c’è, che non denota alcuna  “educazione” alla democrazia.

Educare alla politica risponde ad un bisogno sociale, perché la società possa essere composta ed avvalersi di cittadini capaci di chiedere ed esercitare la democrazia in modo critico ed autonomo, secondo un progetto di uomo e di donna preciso. Progetto che nasce dal credere l’uomo e la donna al centro, soggetto-oggetto della domanda politica, in un continuo, costruttivo rapporto, non anomalo, tra bene comune e bene individuale.

Due esigenze imprescindibili per Paternò, da un lato la necessità di interrompere la malapolitica e non parlo  dell’amministrazione, bensì di un profondo problema socio-culturale che ha condotto la città al terzomondo, stravolgendo e disintossicando non solo la compagine amministrativa e le sue ramificazioni, ma soprattutto, educando la gente, le masse, che ancora oggi consegnano il proprio consenso, come detto prima, in virtù di uno strano modello di relazione interpersonale, animato, più che altro, dall'interesse e dallo scambio di favori che crea un danno agli altri e alla collettività.

Si aspira all'elargizione di benefici e di favori, che anche non comportando, a volte, una violazione di norme di legge, comporta in ogni caso la violazione delle norme etiche e dei principi di equità e trasparenza, sanzionate, in ogni caso, dalle norme.

Dall’altro coniugare questo moto moralizzatore con l’esigenza della trasparenza  della politica e dell’efficacia nell’amministrazione, per meglio rapportarsi ad un mondo che corre, ad una società che cambia costantemente.  L'oggetto è un’amministrazione di risultato, ove risorse (poche) e servizi (molti), devono interagire per il soddisfacimento del cittadino.

Bene, per raggiungere questi obbiettivi occorre buttare il cuore oltre l’ostacolo. Carichi e a testa bassa. Con coraggio, combattere un sistema disgustoso, per realizzare il bisogno sociale ed imprescindibile della rivoluzione sistemica. E non parliamo necessariamente o esclusivamente della recente amministrazione che ha ereditato un passato bislacco…e siamo buoni.

Non servono più i marpioni, i reflui di un passato sconclusionato, ripugnante, da rimuovere. Soggetti che si infiltrano in tutte le stagioni della politica, che si credono buoni per sempre e che invece assediano e impediscono la voglia di un cambiamento da tutti annunciato, ma che in mancanza di questi  presupposti non si potrà mai realizzare.

Occorrono nuove istanze, non anagraficamente, ma fresche, genuine, anche se inesperte, ma pure, anziché un’ambigua brigata dove convive tutto e il suo contrario, con l’aggravante delle “relazioni pericolose”. Si andrebbe contro la storia, che ci supererebbe alla velocità del pensiero, lasciandoci nelle sabbie mobili.

IL MODO PER USCIRE DA QUESTA DIFFICOLTÀ CIRCOLARE È PASSARE DALLA FORZA DELLA RAGIONE ALLE RAGIONI DELLA FORZA

Ecco, occorre imboccare una strada, si è al bivio, galleggiare o rivoluzionare? Circondarsi dei “soliti noti” o da una compagine seria e giovane che aiuti il processo di cambiamento con efficienza?

Finora, non abbiamo notato alcuna azione forte e di contrasto, rispetto agli intenti annunciati, da parte di coloro che si propongono, ciascuno in maniera diversa, alla guida della città, proclamando tutti il cambiamento del sistema.

Nessuna denuncia rispetto ai fatti sconvenienti, che ogni giorno, in campagna elettorale accadono. Solo silenzi. 

Comprendiamo che per galleggiare i compromessi ideali, le mediazioni, anche i silenzi sono utili. Non sono utili, però, per la comunità.

Quando si vuole veramente cambiare il sistema non bisogna fare i conti col pallottoliere, ma andare avanti per la strada del cambiamento con determinazione, non da ignavi, informando il popolo, che ha diritto alla verità e il diritto di scegliere consapevolmente, tra le migliori energie, i propri rappresentanti. Questo si ottiene  non certo facendo i “complici”, mascherandosi dietro la pseudo politically correct, oggi assolutamente inutile, per il raggiungimento di questo fine.

Così si finisce per favorire personaggi sudici. Così non si risulta credibili. Così non si rende un buon servizio alla società.

Noi non finiremo mai di pungolare, aspettando i segnali concreti. Cercheremo di evidenziare tali comportamenti melliflui, per poi sferrare il colpo a chi si propone alla città come la novità, ma che poi con il suo atteggiamento supino, omertoso e connivente, avvantaggia un rituale mortale perfino per la speranza.

 

 

Aggiungi commento
PATERNO'
29/06/2017 0:34
PATERNÒ 2022 - RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
28/06/2017 13:42
PRIMO STRAFALCIONE DEL SINDACO NASO O DI CHI LO CONSIGLIA? IL M5S ATTACCA!
27/06/2017 12:50
EDICOLA SAT - PATERNÒ, FATTA LA GIUNTA FATTA...
20/06/2017 18:42
IL COMUNICATO DI ANTHONY DISTEFANO: "Netto divario tra i votanti e i voti attribuiti alle liste". SORPRESE ALL'ORIZZONTE?
15/06/2017 10:23
PATERNÒ: UN PRIMO DIFFICILE IMPEGNO, RICUCIRE LA CITTÀ PER IL PRESTIGIO E LA VIVIBILITÀ
13/06/2017 17:39
EDICOLA SAT, ANDIAMO A COMANDARE? ANDATE A LAVORARE!
12/06/2017 21:49
EDICOLA SAT, UN FASCIO SFASCIATO
12/06/2017 11:05
PATERNÒ ELEZIONI, NASO VINCE CONTRO TUTTI
10/06/2017 9:06
PATERNÒ IN ELEZIONE, EDICOLA SAT del 10 giugno - RITORNA EDICOLA SAT. IL GOSSIP
08/06/2017 22:53
ELEZIONI A PATERNÒ- INTERVISTATO DA VOI, ECCO IL DR. STRANAMORE: "Come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba"
08/06/2017 10:23
IL SINDACO DEI PATERNESI? QUESTO IL DUBBIO. IL COMMENTO
07/06/2017 11:25
LA RUSSA CI RITENTA. UN FLASHBACK DI 15 ANNI...MA IN TONO MOLTO MINORE
06/06/2017 0:42
PATERNÒ ELEZIONI: ATTENZIONE, OGGI "ABBISSAMU STA COSA". PARLANO ANCORA (LORO) DEL FAMIGERATO VIDEO...CHE FALSO NON È. ECCONE LA PROVA
06/06/2017 0:26
I HAVE A DREAM - HO FATTO UN SOGNO, AMICAR CABRON DALLA GUINEA (a)BISSAU: "A MILANO-MILANELLO, A PATERNÒ-PATERNELLO, A SCALILLI-SCALILELLO".
05/06/2017 15:21
"PERCHÉ QUESTI PEZZI DI MERDA PENSANO CHE LA POLITICA SI FACCIA COSÌ " E DOPO QUESTE DICHIARAZIONI DELLA CANDIDATA DEL M5S , PARLANDO DEGLI AVVERSARI, SCOPPIA LA POLEMICA
05/06/2017 10:24
PATERNÒ ELEZIONI: TRA SONDAGGI RISERVATI E TRADIZIONI STORICHE
Altre news
OLTRE LA PRIMA PAGINA
28/06/2017 10:23
RENZI:"OCCIDENTALIS KARMA". MA LE SCOSSE TELLURICHE NEL CENTROSINISTRA CONTINUANO
27/06/2017 12:50
EDICOLA SAT - PATERNÒ, FATTA LA GIUNTA FATTA...
27/06/2017 0:00
MARIO, ANGELINO E LE ELEZIONI REGIONALI CON L'OMBRA DEL CARA MINEO
26/06/2017 10:44
EDICOLA SAT- PAPA BERGOGLIO: "Hitler è nato dal populismo" - ALLA REGIONE VOTA HITLER
26/06/2017 7:24
ADDOSTÀ IL PD, UÈ MARONNA MIA...
25/06/2017 13:15
IL GRAN RIFIUTO DI GRASSO: "RESTO AL SENATO". ORA IL PD COME LA METTE CON CROCETTA ? IL COMMENTO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE.
24/06/2017 10:53
ULTIMORA SICILIA: IL CENTRODESTRA SU ALFANO? NON CI RESTA CHE...RIDERE
23/06/2017 15:00
PIERO GRASSO PRESIDENTE DELLA SICILIA... È COSA FATTA
22/06/2017 15:08
IL TRAINER CROCETTA DALLA PANCHINA FA ESORDIRE LUIGI BOSCO PER SOSTITUIRE PISTORIO E LASCIA LA GIUNTA BIANCO AL SUO DESTINO
22/06/2017 8:43
EDICOLA SAT: L'HORROR MOVIE DEI POLITICANTI SICILIANI
21/06/2017 18:13
IL VOLO DI ICARO DI GIOVANNI TRADÌTUTTI, DOPO LOMBARDO E CROCETTA, ORA D'ALIA
20/06/2017 18:42
IL COMUNICATO DI ANTHONY DISTEFANO: "Netto divario tra i votanti e i voti attribuiti alle liste". SORPRESE ALL'ORIZZONTE?
19/06/2017 20:55
DOPO ESSERE STATO "CACCIATO" PISTORIO SI DIMETTE
19/06/2017 10:21
I FASCI DELLE CORPORAZIONI CONTRO LA LIBERTÀ CONSOLIDATA
18/06/2017 9:23
EDICOLA SAT: REGIONE SICILIANA POLITICA E TRADIMENTI. LEGGI TUTTO
17/06/2017 12:32
LETTERA APERTA DI CROCETTA:"IMPOSTORIUM". PRECISA, ATTACCA, RILANCIA, DIFENDE LA PROPRIA IDEA DELLA POLITICA
17/06/2017 10:13
NELLA PRESUNTA CRISI DI GOVERNO, CROCETTA INIZIA A SEGNARE PUNTI
16/06/2017 14:52
FUGA DA PALAZZO D'ORLEANS...PER TORNARE ALL'ATTACCO A NOVEMBRE
15/06/2017 10:23
PATERNÒ: UN PRIMO DIFFICILE IMPEGNO, RICUCIRE LA CITTÀ PER IL PRESTIGIO E LA VIVIBILITÀ
13/06/2017 21:08
IL CASO CROCETTA/PISTORIO. L'AFFARE S'INGROSSA , SI PROFILA LA RIMOZIONE DELL'ASSASSORE...IN MANCANZA DI DIMISSIONI
13/06/2017 17:39
EDICOLA SAT, ANDIAMO A COMANDARE? ANDATE A LAVORARE!
13/06/2017 16:57
LA DEMOCRAZIA SENZA LA MAGGIORANZA DEL POPOLO? È LA DEMOCRAZIA IN SALSA SICILIANA
12/06/2017 21:49
EDICOLA SAT, UN FASCIO SFASCIATO
12/06/2017 11:05
PATERNÒ ELEZIONI, NASO VINCE CONTRO TUTTI
10/06/2017 17:55
GIOVANNI PISTORIO E IL CONCORSO VINTO CON LE CARTE A CANNOLO
10/06/2017 9:06
PATERNÒ IN ELEZIONE, EDICOLA SAT del 10 giugno - RITORNA EDICOLA SAT. IL GOSSIP
08/06/2017 22:53
ELEZIONI A PATERNÒ- INTERVISTATO DA VOI, ECCO IL DR. STRANAMORE: "Come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba"
08/06/2017 10:23
IL SINDACO DEI PATERNESI? QUESTO IL DUBBIO. IL COMMENTO
07/06/2017 11:25
LA RUSSA CI RITENTA. UN FLASHBACK DI 15 ANNI...MA IN TONO MOLTO MINORE
06/06/2017 0:42
PATERNÒ ELEZIONI: ATTENZIONE, OGGI "ABBISSAMU STA COSA". PARLANO ANCORA (LORO) DEL FAMIGERATO VIDEO...CHE FALSO NON È. ECCONE LA PROVA